Storia di Cascinetta - Pro Varallo Pombia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia di Cascinetta

DUECENTO ANNI  DI STORIA CASCINETTESE

Dal censimento del 1853 il piccolo centro abitato denominato Cascinetta o Incorone risultava essere formato da 32 famiglie, molte delle quali patriarcali e quasi tutte imparentate fra loro.La maggior parte delle case, nel vecchio borgo seicentesco, tutte addossate le une alle altre tra portici e stalle, erano site nei pressi dell'attuale piazza della Festa. Solo poche, tra le quali una già presente sulla mappa Teresiana del 1722, costeggiavano la via ( primo tratto attuale via SS. Trinità ) che conduceva alla cascina Sebastiana anch'essa settecentesca, ma di origini ben più remote. Altre case costeggiavano, invece, la via principale ( attuale vicolo Chiesa e via della Festa ), via che, fiancheggiando la chiesa ed il piccolo centro abitato, proveniva dalla strada comunale Castelletto – Varallo e vi sbucava nuovamente, ma più a sud, verso il paese di Varallo.Una sola casa isolata, in mezzo ai campi, al limite del bosco, era raggiungibile da un piccolo viottolo, l'attuale via Brughiera, un'altra era in costruzione, mentre poco più in là, sulla strada Comunale, la “ Caserma” , in quel periodo purtroppo disabitata, era l'unico edificio del paese adibito a residenza. Le due famiglie Albertalli, una delle quali forse da poco residente a Cascinetta, abitavano rispettivamente la prima nell'abitazione sita attualmente in via SS. Trinità n° 29, la seconda in una delle case demolite intorno agli anni '50 nella ex via degli Orefici, ora piazza della Festa.Le tre famiglie Terazzi erano proprietarie, invece, delle due case sulla destra dell'attuale via della Festa, una delle quali ancora degli eredi, di una serie di portici vicino alla cappella e della casa attualmente sita in via SS. Trinità n° 14.Le restanti 25 famiglie portavano tutte il cognome Fanchini ( trasformato poi, verso gli anni '80 ma solo per alcuni ceppi, in Franchini) anche se pochissime erano legate da stretti vincoli di parentela. Le due famiglie Colombo, invece, una delle quali tutt'ora parte integrante del paese, risiedevano la prima nell'abitazione oggi ubicata in via SS. Trinità n° 2 e l'altra nella stessa via, ma poco più in su, al n° 15.Nel 1861, dal 1° censimento nazionale della popolazione, si può dedurre che in paese una famiglia Parachini aveva preso possesso dell'abitazione di Fanchini Angelo Maria, mentre i Mozzanica risiedevano alla Bell'aria, una cascina di recente costruzione posta su di un pianoro al confine con Castelletto, sostituiti però quasi subito dai Corini, famiglia Lombarda, ma già da più di un decennio residente in una delle moltissime cascine che in quel periodo circondavano il paese di Varallo.Dal censimento del 1881, invece, due nuove famiglie, ancor oggi ivi residenti, risultano presenti a Cascinetta: i Bertolotti provenienti da Borgoticino e stabilitisi in quel primo periodo alla caserma ed i Varallo, già presenti da più di un secolo nel paese omonimo, spostatisi in un'ala della cascina Bell'aria. Consultando il censimento del 1901, si rivela anche che la famiglia Broggio di Castelletto si era stabilita nella nostra piccola frazione.Non c'è da dimenticare, però, che anche le 32 famiglie che nel 1853 costituivano il nucleo residenziale della Cascinetta, nel corso di questi 50 anni, avevano subito notevoli cambiamenti: alcune di esse si erano estinte, altre trasferite altrove, mentre la maggior parte, legandosi anche alle nuove famiglie presenti in paese, avevano fatto fortuna.In tal modo, così, pian piano la frazione s'ingrandiva, nuove case venivano costruite  e nuove famiglie subentravano ad altre anche se per brevi periodi come quella dei Sangalli presenti solo nel censimento del 61/71, quella dei Barberis rintracciabili solo nel censimento dell'81 alla caserma e quella dei Magnaghi, degli Agazzi, dei Gambirasio, dei Medina, degli Albergati, dei Mariani, dei Nobili, dei Rossi, dei Cattaneo e dei Fossati nel censimento del 1936.Tra queste ultime solo la famiglia Gambirasio era ancora presente in paese nel 1861 (10° censimento nazionale ) nella casa attualmente sita in via SS. Trinità n° 22.In questo stesso periodo risultavano, però, abitare a Cascinetta anche molte nuove famiglie: gli Arbelia, i Tosi, i Minello, i Ferri, i Bellotti, i Belloli, i Marelli, i Marchiori, i Righetto, i Mistrello, gli Omarini, i Belussi, gli Arrigoni, e i Menin, alcune delle quali tuttora residenti.Queste ultime insieme alle molte famiglie trasferitesi nel nostro paesino e alle famiglie originarie ancora presenti in paese danno vita una nuova Cascinetta.

Roberta de Filippi

Pubblicato sul “ DIALOGO” n° 4 dell'anno 2004 e n° 1 dell'anno 2005, per presentare la mostra omonima svoltasi nei locali della ex scuola di Cascinetta il 22 maggio 2005.  Fonte: Archivio Comunale di Varallo Pombia.

Interessante leggere anche la storia delle scuole di Cascinetta (leggi e/o scarica il pdf)
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu